L’isola di North Sentinel merita l’appellativo di posto più inaccessibile al mondo. Situata nel Golfo del Bengala fa parte delle Isole Adamane. Ma perchè è talmente difficile andarci? Non c’è nessuna base segreta, nessun super apparato di sorveglianza o base militare.
Semplicemente, è abitata da…indigeni poco socievoli!

I Sentinelesi

Gli abitanti di North Sentinel vengono chiamati “Sentinelesi“. Si pensa che abitino l’isola da circa 60.000 anni. Sono inavvicinabili e molto ostili. Tutte le missioni governative e di studio sono state accolte da piogge di frecce. Per questo viene definita “la popolazione più isolata al mondo”. A quanto è stato possibile capire sull’isola non abitano più di 50-500 abitanti.
Survival International l’ha definita “la società più vulnerabile del pianeta” perchè, non avendo mai avuto contatto con l’esterno, non hanno difese immunitarie appropriate. Questo significa, che un a qualunque malattia potrebbe sterminare i Sentinelesi.

Mondo Perduto

Data l’inavvicinabilità dell’isola non si ha idea di come vivano i Sentinelesi. Quindi risultano sconosciute nozioni come organizzazione della società, lingua e riti religiosi. Si sa solo che questa tribù sembra essere rimasta al periodo Neolitico e che si nutre principalmente di pesce, cacciagione e frutti della foresta. Inoltre, gli abitanti vivono in capanne.
Una delle poche cose che si è riusciti a sapere su di loro, è che conoscono l’uso del fuoco, dato cher si è intravisto il fumo di focolai in lontananza.

Episodi di ostilità

Nel 2004, in seguito allo Tsunami, un elicottero sorvolò l’area deell’isola di North Sentinel per accertarsi che gli abitanti fossero sopravvisuti. La “conferma” arrivò dalla pioggia di frecce che il velivolo ricevette, fortunatamente senza conseguenza. Peggio andò due anni dopo a due pescatori che si avvicinarono troppo alla costa. Furono infatti uccisi dalle solite frecce. 

LEGGI ANCHE  Come evitare la trappola delle fake news

Primo contatto

Maurice Vidal Portman un esploratore inglese, fu il primo ad avere contatti con i Senrinelesi. Nella seconda metà dell’ottocento, sbarcò sulla remota isola col fine di contattarne la popolazione. Perlustrando North Sentinel gli esploratori riuscirono a trovare solo una coppia di anziani e alcuni bambini che, furono portati via dall’isola. Gli anziani si ammalarono e morirono mentre i bambini furono riportati sull’isola con numerosi regali.
Non si conoscono gli effetti di questo contatto. Difficile sapere, quindi, se i bambini abbiano contratto qualche virus che ha causato morti nella popolazione indigena.